Q-Books
Strategie di investimento

Strategie di investimento | Guide online sulla finanza | Menthor Q

Portfolio construction

Da investitore, tra le domande piú classiche ci sono le seguenti: come faccio a sapere se comprare o vendere, oppure quando si deve ribilanciare?

Questo è interessante perché solitamente molti investitori pensano al portfolio construction nel modo sbagliato. Si chiama portfolio construction per un motivo specifico. Dobbiamo costruire prima il nostro portafoglio in base ai nostri obiettivi, e poi preoccuparci del monitoraggio e della parte operativa.

Nel libro “Market Wizards”, Mark Richie aveva spiegato che alla fine portafoglio management non è altro che l’allocazione di capitale nel modo più efficiente possibile. Quindi è l’abilitá di spostare o no i nostri capitali in diversi asset.

A volte anche non investire è un modo efficiente di investire. Il cash, è vero generalmente non da ritorni, ma è anche uno degli asset che vengono usati di meno, quando in realtà può diventare il nostro turbo se usato nel modo più efficiente.

Quindi alla fine portafoglio management richiede molte skills, ma è anche una questione di gestione del tempo e delle nostre emozioni. Sembra banale, ma il segreto è capire voi stessi, invece che seguire i portafogli degli altri che possono sembrare migliori.

Quando da investitori decidiamo di creare un portafoglio, lo dobbiamo fare in base alla nostra situazione personale. Investire è più personale di quanto uno possa pensare. La strategia per un ragazzo giovane è ben diversa da quella di una persona più avanti con gli anni.

Per questo motivo, prima di investire anche solo un euro, dobbiamo personalizzare la nostra strategia seguendo quella che nel guida chiamiamo la checklist dell’investitore. Questo esercizio, ci aiuta a capire meglio il nostro profilo di rischio. E da qui cominciamo poi la ricerca degli asset che in combinazione ci possono aiutare a raggiungere i nostri obiettivi finanziari.

Concentrazione VS
Diversificazione

Un investitore deve poi decidere se concentrare il proprio portafoglio o diversificare. Cerchiamo di capire qual è la differenza tra i due:

L’obiettivo di diversificare è quello di creare un portafoglio con un potenziale ritorno desiderato riducendo, il rischio e la volatilità del portafoglio.

Più un portafoglio è diversificato più i ritorni assomigliano a quelli del mercato.

Un portafoglio diversificato è generalmente in linea con una strategia passiva. La strategia passiva può essere attiva quanto volete. Ma può anche essere un semplice ribilanciamento annuale.

Quindi quali sono i vantaggi della diversificazione?

Riduce la volatilità

Riduce il rischio

Allinea rischi e ritorni

Esposizione a diversi assets in diversi settori e mercati

Quali sono gli svantaggi?

Difficilmente ti permette di battere il mercato

Ora parliamo della concentrazione. Concentrare un portafoglio significa distribuire il nostro capitale in asset che sono generalmente correlati tra loro. O meglio investire in asset che hanno lo stesso profilo di rischio e volatilità.

Questo tipo di strategia ha molto più upside rispetto ad un portafoglio diversificato. è una strategia che viene impiegata se si è esperti nel proprio settore.

Per esempio, Warren Buffett ha cominciato a diversificare quando ha cominciato a gestire capitali molto grandi. Berkshire ormai si muove praticamente come l’indice S&P 500.

Mentre il giovane Warren era uno special situations investor. O meglio era altamente concentrato. Il suo obiettivo era quello di capitalizzare molto velocemente e crescere. Ora solo perché l’ha fatto Buffett, non significa che questa strategia sia per voi.

Perché concentrare richiede delle skills molto specifiche. Ma è per farvi capire, che concentrare o meno dipende da che tipo di investitore siete e che tipo di obiettivi avete.

Key takeaways

Ci sono poi tre pilastri quando creiamo un asset allocation:

1. Il Rischio e il Rendimento dell’asset. La gestione di questi due fattori, ci aiuta a capire quali asset possono essere combinati in base al nostro obiettivo.

2. La Volatilità degli assets. Più aumentano asset volatili più aumenta la volatilità del portafoglio, quindi capire quali assets sono più o meno volatili è molto importante.

3. Il Tempo. Avere più tempo riduce il nostro rischio, perché abbiamo più tempo per recuperare crolli di mercato. Per esempio, un investitore più giovane ha più tempo per recuperare da un crollo di mercato rispetto ad un pensionato.

In questa guida vi introdurremo a metodi che vi aiutano a pensare strategicamente al vostro portfolio construction. Buona Lettura.

Q-Book

Ottieni gratis
l’eBook completo

Inserisci i tuoi dati nel form e ottieni gratis l’eBook completo. In più, accedi subito al ricco Starter pack Q-Start, che include la newsletter settimanale Q-Focus.

    Scopri la Masterclass online correlata a questo tema finanziario

    Che cosa sono gli ETF? Un ETF o Exchange Traded Fund è un fondo di gestione passiva che replica un indice ma viene negoziato come un titolo azionario. Gli ETF uniscono i vantaggi del fondo e dei titoli azionari in un unico strumento finanziario. Ti danno la possibilità di prendere esposizione a un indice

    Quando investiamo possiamo adottare approcci differenti in base alla nostra personalità, psicologia e know how. Essere investitore attivo richiede conoscenze e voglia di monitorare i mercati per cercare di trovare opportunità di investimento che ci permettono di ottenere ritorni superiori rispetto ad una

    Da dove cominciare per creare un Asset Allocation? Da investitori dobbiamo capire quali sono i nostri obiettivi personali e finanziari. Per questo usiamo la checklist dell’Investitore. Metodo 1: Role Based Scegliamo gli assets in base alla performance in determinate condizioni economiche. L’esempio clas

    Che cosa sono gli ETF? Un ETF o Exchange Traded Fund è un fondo di gestione passiva che replica un indice ma viene negoziato come un titolo azionario. Gli ETF uniscono i vantaggi del fondo e dei titoli azionari in un unico strumento finanziario. Ti danno la possibilità di prendere esposizione a un indice

    Quando investiamo possiamo adottare approcci differenti in base alla nostra personalità, psicologia e know how. Essere investitore attivo richiede conoscenze e voglia di monitorare i mercati per cercare di trovare opportunità di investimento che ci permettono di ottenere ritorni superiori rispetto ad una

    Da dove cominciare per creare un Asset Allocation? Da investitori dobbiamo capire quali sono i nostri obiettivi personali e finanziari. Per questo usiamo la checklist dell’Investitore. Metodo 1: Role Based Scegliamo gli assets in base alla performance in determinate condizioni economiche. L’esempio clas

    Scopri tutti gli articoli relativi a questo tema finanziario

    Q-START

    Lo starter pack
    gratuito per iniziare il tuo
    percorso di investimento

    Newsletter settimanale
    14 e-Book in tema di finanza
    9 lezioni di masterclass Q-Learn
    Report di 9 portafogli modello
    6 webinar Invest like a Pro
    Accesso al gruppo Telegram
    Q-PRO

    Naviga i mercati
    come un professionista

    Tre membership operative dedicate alla
    finanza quantitativa. Con dati, analisi, modelli
    e privilegi riservati a chi vuole investire come un pro.
    Tre membership operative dedicate alla finanza quantitativa. Con dati, analisi, modelli e privilegi riservati a chi vuole investire come un pro.