Q-Books
Analisi tecnica

Esistono tantissimi tipi di strategie per investire in azioni. Abbiamo parlato di Analisi fondamentale in una delle guide. Qui parliamo di Analisi Tecnica e Momentum.
Analisi tecnica e Momentum | Guide online sulla finanza | Menthor Q

Ma che cosa sono
questi due approcci?

Mentre l’analisi fondamentale si basa sui bilanci d’esercizio, quella tecnica si basa principalmente su due variabili: prezzo e volume. L’Analisi Tecnica utilizza un approccio diverso. L’idea di fondo è semplice: “Market discounts everything”. Questo proviene dalla famosa Teoria di Dow, sviluppata da Charles Dow economista di fine 1800 e fondatore della Dow Jones dell’indice Dow Jones Industrial Average e del Wall Street Journal. Il prezzo rappresenta la psicologia degli investitori ed il sentiment positivo o negativo nei confronti di un titolo. L’analisi tecnica si avvale di strumenti matematici e statistici di analisi dei prezzi passati e dei grafici per cercare di prevedere l’andamento futuro del prezzo di un asset. L’idea di fondo è che il mercato si muove in trends e la storia tende a ripetersi.

L’Analisi Tecnica si basa su tre pilastri:

1. I prezzi scontano tutto: il presupposto di fondo è che i prezzi risultano dall’incontro tra domanda ed offerta, riflettono/contengono tutte le informazioni disponibili sul mercato.

2. Il mercato si muove in “Trends”: il mercato non si muove in modo casuale, ma segue delle tendenze, dei “trend”. Un trend risulterà valido finché non sopraggiungeranno chiari segnali di esaurimento e di inversione.

3. La storia si ripete: la storia tende a ripetersi perché i partecipanti nel mercato sono gli stessi. Gli investitori vogliono guadagnare, hanno paura di perdere, e di conseguenza agiscono freneticamente spinti da psicologia basata su fasi alterne di paura ed entusiasmo (in gergo a Wall Street si chiama Fear and Greed).

In tal senso il passato può fornirci utili indicazioni anche per le future evoluzioni dei prezzi (anche se non garantisce ritorni futuri). Grazie all’analisi dei grafici si possono individuare dei “patterns” ben precisi, che aiutano l’analista tecnico a formulare delle previsioni sull’andamento dei prezzi futuri. Tutto questo proviene dalla Teoria di Dow che inizia a prendere piede agli inizi del 1900. La teoria di Dow è composta da 6 principi di fondo:

1. The Market Discounts Everything. La teoria di Dow si basa sulla Efficient Markets hypothesis dove il prezzo di un asset tiene già in considerazione tutte le informazioni disponibili.

2. Ci sono tre tipi di trend di mercato. Un Trend Primario che può durare un anno o più, trend secondari che possono durare da 3 settimane a 3 mesi e trend minori che durano meno di tre settimane.

3. I trend primari hanno 3 fasi.

In un trend rialzista possiamo parlare di:

• Accumulazione: questa è la fase iniziale di un Trend al rialzo o “Uptrend” caratterizzata dalla presenza di Investitori Istituzionali che aprono grandi posizioni contro l’opinione attuale del mercato. Gli investitori Istituzionali sono investitori sofisticati, come gestori di Fondi di investimento, Hedge Fund o fondi pensione. Il prezzo non cambia moltissimo in questa fase.

• Partecipazione Pubblica: in questa fase il cambiamento del prezzo è dovuto dal fatto che, spinti da notizie positive, investitori meno sofisticati (le masse) prendono posizione.

• Fase di Eccesso o Speculazione Rampante: in questa fase, parte la cosiddetta FOMO (Fear of Missing out). Gli investitori cominciano a comprare all’apice del prezzo del titolo. Nel frattempo gli investitori istituzionali cominciano a liquidare le posizioni.

In un trend ribassista queste 3 fasi sono rappresentate da:

• Distribuzione: in questa fase gli investitori iniziano a vendere le proprie posizioni e inizia una fase di incertezza dove il prezzo tende a muoversi orizzontalmente

• Partecipazione Pubblica: in questa fase anche gli investitori meno sofisticati iniziano a vendere e il prezzo comincia a crollare.

• Fase di Panico: inizia la fase del panico dove tutti vendono per paura di perdere tutto.

L’esempio migliore per spiegare questo processo è l’andamento del Bitcoin nel 2017. Guardate questo grafico.
Analisi tecnica e Momentum | Guide online sulla finanza | Grafico Bitcoin
4. Gli indici devono confermarsi tra di loro. Siamo in presenza di un trend primario quando lo stesso viene confermato da più di un indice. L’andamento dell’indice deve avere una correlazione con un indice simile in quanto esposti alle stesse condizioni di mercato. Se un indice si muove in una direzione e l’indice simile si muove in modo opposto siamo in presenza di una divergenza che in questo caso non agisce da conferma del trend primario.

5. Il Volume deve confermare il Trend. Il Volume tende a crescere se il prezzo si muove in direzione del trend primario e diminuisce se il prezzo si muove in direzione contraria. Un volume basso segnala una debolezza del trend. In un Bull Market il volume dovrebbe aumentare se il prezzo sale.

6. Il Trend persiste fino ad un chiaro Reversal o cambio di trend.

Ora guardiamo ai vantaggi dell’Analisi Tecnica:

Il trader tecnico utilizza un numero minore di informazioni per prendere decisioni. Il principio fondamentale è che il prezzo sconta tutto. Gli eventi di mercato, le notizie sono rappresentati direttamente nei movimenti di prezzo e di volumi.

L’Analisi Tecnica fornisce strumenti che possono indicare un possibile cambio di prezzo e livelli definiti. Questi strumenti possono aiutare i traders ad ottenere migliori rendimenti nelle loro operazioni.

I dati necessari all’analisi sono facilmente reperibili. Esistono piattaforme gratuite come Tradingview che offrono questi strumenti.

Utilizzando l’analisi tecnica è possibile ottenere profitti sia in fasi di rialzo (LONG) che in fasi ribassiste (SHORT).

Esistono anche alcuni svantaggi da questo approccio:

Gli indicatori non sono perfetti. Possono fallire a causa di eventi inaspettati.

In alcuni casi, combinando diversi indicatori vi è il rischio di ottenere segnali contrastanti.

Key takeaways

1. Mentre l’analisi fondamentale si basa sui bilanci d’esercizio, quella tecnica si basa principalmente su due variabili: prezzo e volume.

2. L’Analisi Tecnica utilizza un approccio diverso. L’idea di fondo è semplice. Come direbbero i grandi technicians: “Market discounts everything”.

3. L’analisi tecnica si basa su tre pilastri: i prezzi scontano tutto, il mercato si muove in trends e la storia si ripete.

Q-Book

Ottieni gratis
l’eBook completo

Inserisci i tuoi dati nel form e ottieni gratis l’eBook completo. In più, accedi subito al ricco Starter pack Q-Start, che include la newsletter settimanale Q-Focus.

    Scopri la Masterclass online correlata a questo tema finanziario

    Come viene determinato il prezzo di un’azione? Il Prezzo delle azioni è determinato in base a questi fattori? • Dati di Bilancio • Sentimento • Dati Macro • Liquidità In realtà il prezzo viene determinato da due fattori: • Domanda. La domanda è la quantità di un’azione o asset richiesta s

    Gli Indicatori in Analisi Tecnica sono calcolati utilizzando formule matematiche e statistiche che utilizzano come input e dati di riferimento i prezzi e i volumi degli strumenti finanziari. Ne esistono tanti e con diverse caratteristiche. Possono essere raggruppati in diverse categorie. Esistono quattro ti

    È importante chiarire la terminologia nell’Analisi Tecnica. Questi termini verranno ripresi nei diversi articoli che svilupperemo e nel nostro Corso di Trading Momentum. • Trend. Il trend è definito dai technicians come il tuo migliore amico. “Trend is your Friend” e la ragione è molto semplice.

    Come viene determinato il prezzo di un’azione? Il Prezzo delle azioni è determinato in base a questi fattori? • Dati di Bilancio • Sentimento • Dati Macro • Liquidità In realtà il prezzo viene determinato da due fattori: • Domanda. La domanda è la quantità di un’azione o asset richiesta s

    Gli Indicatori in Analisi Tecnica sono calcolati utilizzando formule matematiche e statistiche che utilizzano come input e dati di riferimento i prezzi e i volumi degli strumenti finanziari. Ne esistono tanti e con diverse caratteristiche. Possono essere raggruppati in diverse categorie. Esistono quattro ti

    È importante chiarire la terminologia nell’Analisi Tecnica. Questi termini verranno ripresi nei diversi articoli che svilupperemo e nel nostro Corso di Trading Momentum. • Trend. Il trend è definito dai technicians come il tuo migliore amico. “Trend is your Friend” e la ragione è molto semplice.

    Scopri tutti gli articoli relativi a questo tema finanziario

    Q-START

    Lo starter pack
    gratuito per iniziare il tuo
    percorso di investimento

    Newsletter settimanale
    14 e-Book in tema di finanza
    9 lezioni di masterclass Q-Learn
    Report di 9 portafogli modello
    6 webinar Invest like a Pro
    Accesso al gruppo Telegram
    Q-Pro

    Naviga i mercati
    come un professionista

    Tre membership operative dedicate alla
    finanza quantitativa. Con dati, analisi, modelli
    e privilegi riservati a chi vuole investire come un pro.
    Tre membership operative dedicate alla finanza quantitativa. Con dati, analisi, modelli e privilegi riservati a chi vuole investire come un pro.